Ricerca vocale: quale strategia SEO adottare per non perdere la nave?

 “Spesso un’evoluzione è una rivoluzione senza apparire tale. »

Questo pensiero di Pierre-Henri Cami è una buona illustrazione di ciò che sta accadendo attualmente con gli assistenti vocali. Vi chiederete perché mi spingo a parlare di rivoluzione.

È importante sapere che oltre alla loro rapida adozione, gli assistenti vocali stanno rivoluzionando l’interazione degli esseri umani con il mondo digitale.

Homme intelligence artificielle et machine SEO

La ricerca, i contenuti, la pubblicità e il commercio in generale sono influenzati a livello di settore poiché le persone trasformano il modo in cui interagiscono con i marchi attraverso la tecnologia vocale. 

È il La SEO in particolare è/sarà influenzata da questa tecnologia?

Insomma, la risposta è chiaramente “Sì”, ed è già iniziata.

Tieni presente che i risultati della ricerca vocale a volte sono univoci. In altre parole, è una piccola parte del contenuto di un sito web che viene utilizzata per offrire una risposta a una determinata richiesta. 

Ciò implica che tutti gli altri siti web non beneficiano di alcuna visibilità!

E probabilmente sai cosa succede quando un’azienda perde visibilità sul web: il rischio di un calo improvviso dell’attività.

La banane SEO chute de trafic

Sta diventando sempre più innegabile per le aziende prepararsi e adattarsi di conseguenza alla rivoluzione degli assistenti vocali

Recherche vocale Quelle strategie SEO adopter pour ne pas louper le coche

Ecco perché ho messo insieme questa guida, che mira a mostrarti perché gli assistenti vocali sono molto importanti e le diverse strategie SEO che puoi adottare per ottimizzare i tuoi contenuti per la ricerca vocale.

Capitolo 1. Che cos’è un assistente vocale e come funziona?

Prima di discutere della ricerca vocale stessa, penso che sia molto importante definire con precisione cos’è un assistente vocale e come funziona. 

Scoprirete così in questa sezione le possibilità offerte da questa tecnologia per anticipare facilmente i motivi della sua massiccia adozione. 

1.1. Cos’è un assistente vocale?

Un assistente vocale è un programma digitale che utilizza il riconoscimento vocale, l’elaborazione del linguaggio naturale e la sintesi vocale per assistere gli utenti tramite app di riconoscimento vocale.

Assistant vocal SEO

Questi programmi per computer sono generalmente progettati sulla base dell’intelligenza artificiale (AI). Nota che ho avuto l’opportunità di sviluppare il concetto di IA nel mio guida al RankBrain di Google che è anche una macchina di apprendimento automatico.

Devi solo capire che questi programmi di intelligenza artificiale cercano di indovinare le esigenze degli utenti in base ai dati che raccolgono.

Qu'est ce que fait l'IA ?

In questo senso, continuano a migliorare costantemente finché hanno un modo per ottenere feedback sui risultati che offrono.

Tuttavia, alcuni assistenti vocali hanno un sistema molto più sofisticato dell’IA: il calcolo cognitivo o il calcolo cognitivo

È una tecnologia che consente a un assistente digitale di comprendere ed eseguire richieste in più passaggi con molte interazioni. 

Implica l’esecuzione di compiti complessi come la prenotazione di una stanza in un hotel.

SearchEntrepriseAI riassume bene la differenza tra le due tecnologie con questa infografica: 

Intelligence artificielle vs informatique cognitive

in poche parole, l’intelligenza artificiale si basa su algoritmi per risolvere un problema o identificare schemi nascosti nei dati.

Il calcolo cognitivo, d’altra parte, mira a creare algoritmi che imitano il processo di ragionamento del cervello umano. Il che gli consente di risolvere una serie di problemi man mano che i dati e i problemi cambiano. 

Ora hai un’idea di cosa sia un assistente vocale e se sei curioso come me, sarebbe interessante conoscere la loro storia.

1.2. Come si sono evoluti gli assistenti vocali nel tempo?

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, gli inizi del riconoscimento vocale e degli assistenti vocali risalgono al XX secolo. 

In particolare, inizia con l’introduzione da parte di IBM del primo strumento di riconoscimento vocale nel 1961: IBM Shoebox

IBM Shoebox

Naturalmente, era ancora molto primitivo in quanto poteva riconoscere solo 16 parole e numeri. Molto limitato, vero?

Dopo questa prima invenzione, il riconoscimento vocale e gli assistenti vocali sono migliorati e sono diventati ciò che conosciamo oggi.

Ecco un’illustrazione di Voicebot.ai che mostra l’evoluzione della rivoluzione vocale nel tempo:

Evolution du Voice en quelques dates infographie

Ecco una breve storia della rivoluzione vocale e puoi già vedere quanto i diversi marchi competono per il mercato.

A questo proposito, i due grandi marchi che si contendono il mercato sono: 

  • Amazon; 
  • Google.
Part de marché des Assistants Vocaux aux États-Unis

Tuttavia, c’è un aumento della quota di mercato di Google e di altri marchi di altoparlanti intelligenti.

Ora vediamo cosa può fare per te questa tecnologia. 

1.3. Come può aiutarti un assistente vocale?

Che siano sul tuo laptop o su un altro dispositivo digitale, questi assistenti digitali hanno accesso a una grande quantità di informazioni. 

Ciò consente loro di eseguire attività come: 

  • riprodurre musica;
  • Ascolta un audiolibro;
  • Effettuare prenotazioni;
  • Segnala un punteggio sportivo; 
  • Condividi le previsioni del tempo;
  • Aggiunta di articoli a una lista della spesa;
  • Aggiungi eventi;
  • Eseguire calcoli matematici;
  • Chiedere informazioni, allo stesso modo di una query di ricerca;
  • Eccetera.

Naturalmente, l’elenco è più o meno lungo a seconda del sistema utilizzato.

Esistono infatti diversi prodotti sul mercato, i più apprezzati dei quali sono: 

  • Siri per Apple; 
  • Alexa per Amazon; 
  • Assistente Google; 
  • Cortana di Microsoft.

Le prestazioni di ognuno di loro sono notevoli ed ecco le loro caratteristiche in base ai supporti

Assistant vocal pour les enceintes intelligente
Assistant vocal sur Smartphone

Cortana di Microsoft ha quasi le stesse caratteristiche, ma si trova principalmente sui suoi prodotti: 

  • Windows 10; 
  • Windows Phone; 
  • Xbox One; 
  • Eccetera.

Ora conosci le attività che un assistente vocale può aiutarti a svolgere. Diamo una rapida occhiata a come questo tipo di strumento può interagire con te.

1.4. Come funzionano gli assistenti vocali?

Gli assistenti vocali o gli altoparlanti intelligenti ascoltano sempre una parola o un’espressione che li attiva: Sveglia parole o sveglia parole

Ok Google

Per impostazione predefinita, le parole “Hey Siri”, “OK Google”, “Hey Google” e “Alexa” sono standard rispettivamente sui dispositivi Apple, Google e Amazon.

Infatti, se si pronunciano queste parole o espressioni, i dispositivi lasceranno la modalità standby e si aspetteranno che le seguenti parole costituiscano una richiesta di elaborazione.

Tuttavia, gli utenti possono personalizzare la loro parola sveglia in una certa misura. 

Ad esempio “Hey Google” può diventare “Alexa”, “Alice” o anche “Smart”. 

La possibilità di effettuare queste regolazioni può essere particolarmente utile se in casa è presente qualcuno con lo stesso nome dell’assistente. .

Immagina di aver acquisito l’assistente di Amazon, Alexa, a casa tua. Ma allo stesso tempo, anche tua figlia o una persona cara che vive in casa si chiama Alexa. 

Pronunciare questo nome può diventare davvero fastidioso.

In breve, va notato che l’algoritmo dell’assistente digitale ascolta sempre la parola sveglia in modo che un telefono, un altoparlante intelligente o qualcos’altro inizi a comunicare con un server per svolgere il proprio lavoro. 

Detto questo, qual è il processo seguito da un assistente vocale dal momento della ricezione della richiesta fino al completamento di un’attività?

Per rispondere a questa domanda, il sito web Gov.uk del Regno Unito ha progettato questa infografica: 

Fonctionnement-des-assistants-vocaux

, il messaggio vocale dell’utente viene convertito utilizzando una tecnologia che lo trasforma da voce a testo o struttura comprensibile dalla macchina. 

I risultati vengono quindi passati a un gestore di dialoghi/gestore di dialoghi che determina la migliore risposta alla domanda dell’utente.

Per fare ciò, il gestore del dialogo terrà conto: 

  • dell’intenzione percepita dell’utente;
  • Elementi contestuali come la posizione del dispositivo.

Ciò gli consente di prendere la decisione di eseguire tale o tale azione come riprodurre musica continuamente tramite una determinata applicazione.

Una volta determinata una risposta appropriata, viene prodotta la risposta vocale ascoltata dall’utente. Segue l’effettiva esecuzione dell’attività o della richiesta dell’utente.

Questo è un semplice diagramma dell’interazione tra assistenti vocali/assistenti personali intelligenti e utenti.

Tuttavia, è importante notare che questa tecnologia presenta alcune limitazioni che è utile evidenziare.

1.5. Quali sono i limiti degli assistenti vocali?

Nella ricerca vocale, gli utenti pongono domande senza contesto a cui a volte è impossibile rispondere.Ad esempio, Google Amit Singhal ha avuto l’opportunità di spiegare in un’intervista, come gli utenti possono porre domande come: “I miei capelli stanno male?” »

Avranno sicuramente difficoltà a comprendere e fornire risultati rilevanti per questo tipo di richiesta.

Devi solo capire che l’attuale tecnologia dell’assistente digitale ha ancora questo tipo di limitazione. Ma siamo visionari e supponiamo che nel prossimo futuro sarà possibile. 

Ecco qua, ora conosci gli assistenti personali intelligenti ed è tempo di capire perché dovresti prestare attenzione a questa tecnologia.

Capitolo 2. Perché dovresti considerare gli assistenti vocali?

Ci sono molte ragioni per cui dovresti prendere in considerazione gli assistenti vocali. Pertanto, dedico questo capitolo a statistiche e dati che probabilmente non ti lasceranno indifferente. 

2.1. Qual è il livello di adozione degli assistenti vocali?

Quale modo migliore se non iniziare con il livello di adozione di questa tecnologia per avere un’idea della sua evoluzione? Niente !

2.1.1. La tendenza in evoluzione dell’adozione dell’assistente digitale

Per cominciare, ho usato Google Trend scegliendo un periodo di cinque anni e i due prodotti più apprezzati: 

  • Alexa;
  • Google Casa.
Evolution des recherches concernant Google home et alexa

I picchi non sono altro che periodi di fine anno in cui i consumatori in genere acquistano la maggior parte degli articoli. In particolare con le pubblicità aggressive dei segni.

Detto questo, c’è uno sviluppo complessivamente positivo che mostra che sempre più persone sono interessate agli assistenti vocali.

State tranquilli, questi non sono gli unici elementi che mi portano a consigliarvi di tenere conto di questa tecnologia. ?

2.1.2. Quali paesi hanno i più alti livelli di adozione degli assistenti vocali?

Voicebot.ai ha pubblicato un post sul blog in cui indica che la prima fase dell’adozione degli assistenti personali intelligenti è già finita e che siamo nella seconda fase: 

Lancement des appareils connectés

Voicebot.ai infatti si è basato sul modello di diffusione della tecnologia tradizionale in cui il mercato iniziale rappresenta il 16% più alto dell’adozione del prodotto. 

Una soglia già superata dagli Stati Uniti con oltre il 20% di adozione, che ne fa il Paese dove c’è l’adozione maggioritaria:

Adoption de lassistant vocal par pays

questa analisi ci permette di trovare rilevanti tutti gli studi che sono stati effettuati sugli assistenti vocali negli Stati Uniti. In effetti, la maggior parte degli studi sull’argomento proviene dal paese.

2.1.3. Quante persone hanno adottato assistenti vocali?

Nel 2018, Voicebot ha condotto uno studio che ha permesso di osservare che quasi il 20% della popolazione adulta utilizza uno smart speaker a casa: a

Marché Américain des enceintes intelligentes

gennaio 2019, cioè nell’arco di un anno, si è registrato un aumento di quasi il 40% secondo un altro rapporto Voicebot :

Marché Américain des enceintes intelligentes

Con uno studio acuto, Leiner Perkins mostra l’evoluzione fulminea della ricerca vocale dal 2008 al 2016: 

Google Trends

questo numero crescerà solo man mano che 50% delle ricerche sarà basato su voce e immagine:

En 2020 50 des recherches seront vocales et images

con queste statistiche, non c’è più alcun dubbio che la ricerca vocale stia diventando sempre più importante e che dobbiamo essere in grado di adattarci al trend.

Questa scoperta porta Jeff McMahon, CEO di Voiefy a dire: 

La continua tendenza al rialzo nell’adozione non può più essere trascurata dai marchi. L’importanza dello sforzo e dell’investimento da parte di Amazon e Google è supportata dall’adozione e dall’acquisto da parte degli utenti. Gli altoparlanti intelligenti stanno rapidamente diventando uno strumento dominante nella vita di tutti i giorni. »

2.2. Chi usa gli assistenti vocali?

Se sei abbastanza curioso come me, qui scopriremo che tipo di persone sono interessate agli assistenti vocali. 

Ava Mutchler di Voicebot.ai discute l’adozione di altoparlanti intelligenti in questi termini: 

“Cresce più velocemente del Web e dei dispositivi mobili e l’adozione è più rapida. Penso che le persone siano più aperte alle nuove tecnologie rispetto a prima. Non ci sembra estraneo parlare a qualcosa. La voce è un modo molto conveniente per comunicare, soprattutto con la tecnologia. L’adozione è piuttosto notevole in tutte le fasce d’età”.

A proposito di età, è interessante sapere che anche gli anziani sembrano voler assecondare questa tendenza. 

Per il piccolo aneddoto, ecco un video di una donna italiana di 85 anni che stava cercando di interagire con “Google Home” che lei chiama “Goo Goo”:

Ovviamente il video ha suscitato scalpore sul web con più di 4 milioni di visualizzazioni. 

Ma smettiamola con gli aneddoti e veniamo alle statistiche.

2.2.1. Tra uomini e donne, chi usa di più gli assistenti personali intelligenti?

Secondo il Report Voicebot nel 2018, Sembra che gli uomini siano i più utilizzatori di assistenti vocali: 

Les utilisateurs de l'assistant vocal

purtroppo non si conoscono le ragioni di tale fatto ☹

2.2.1. Quale fascia di età utilizza maggiormente gli assistenti digitali?

Nel 2014, Google ha rivelato che più della metà dei giovani utilizza quotidianamente la ricerca vocale: 

Utilisateurs de l'assistant vocal

sebbene siano i più giovani ad avere un alto tasso di adozione, PwC ha rilevato nel 2018 che gli adulti di età compresa tra 25 e 49 anni utilizzano maggiormente questi assistenti digitali:  

Adoption du Voice en fonction de l'âge

nel 2017, Il Pew Research Center fa un ulteriore passo avanti e mostra che quasi la metà degli adulti negli Stati Uniti utilizza un assistente vocale. Il che è ovviamente vicino all’osservazione di Google.

L’azienda si spinge fino a mostrare i vari mezzi elettronici utilizzati da questi adulti:

il che ci porta alla seguente domanda:

2.2. Qual è il mezzo elettronico più utilizzato?

I dispositivi mobili sono i più utilizzati per la ricerca vocale, soprattutto da allora 20% di tutte le ricerche da dispositivo mobile avviene tramite voce

La-plupart-des-recherches-mobiles-sont-vocales

è importante notare che questa statistica proviene da Google, ma è del 2016.

Nel 2018, lo studio di PwC ha rivelato che l’utilizzo degli smartphone per l’assistenza vocale è del 57%:

Les appareils utilisés lors d'une recherche vocale

ma sebbene sia possibile utilizzare gli smartphone ovunque, in casa sono meno utilizzati rispetto all’assistente vocale domestico:

Activités pendant l'utilisation de l'assistant vocal

come puoi vedere, gli smartphone sono i più diffusi utilizzato i media elettronici poiché offrono una maggiore mobilità. Ma una volta a casa, i cellulari sono meno utilizzati come assistenti vocali.

Se è così, scopriamo dove vengono utilizzati maggiormente questi assistenti domestici digitali.

2.3. Dove sono gli assistenti vocali più utilizzati in una casa?

Se ti stai chiedendo dove sono spesso posizionati gli altoparlanti intelligenti, questa infografica da Voicebot ti offre la risposta:

quindi sembra che il soggiorno sia il luogo principale in cui vengono solitamente posizionati gli altoparlanti intelligenti. 

Le cucine così come le camere da letto non sono indegne poiché registrano alti tassi di utilizzo.  

2.4. Con quale frequenza vengono utilizzati gli assistenti digitali?

Nel suo studio, Voicebot va oltre e determina il numero di utilizzi degli assistenti vocali:

Utilisation des Smart Speakers

da queste statistiche si può concludere che la frequenza di utilizzo degli smart speaker è del 62% al giorno. Mentre mensilmente, il tasso è di circa l’86%.

Non fermiamoci qui e scopriamo cosa stanno effettivamente facendo gli utenti con il loro assistente digitale.  

2.5. Cosa stanno facendo gli utenti con il loro assistente vocale?

Lo studio di Voicebot ci consente di determinare cosa fanno gli utenti di smart speaker con il loro strumento e la frequenza con cui svolgono queste attività:

Les types de requêtes effectuées depuis une enceinte intelligente

Va notato che in fondo, ci sono circa il 12% di utenti che già utilizzano la loro modalità mensile per effettuare acquisti .

Per quanto riguarda l’utilizzo di assistenti personali intelligenti per gli acquisti, lo studio di PwC ci permette di avere informazioni aggiuntive: 

Les types de requêtes effectuées avec un assistant vocal depuis le téléphone

Nell’arco di un mese: il 

  • 58% dei consumatori utilizza gli assistenti vocali per aggiungere articoli al proprio carrello;
  • Il 50% dei consumatori ordina o acquista articoli.

Puoi vedere come questa nuova tecnologia stia iniziando a influenzare le abitudini e il comportamento degli utenti di Internet.

Tuttavia, è importante notare che questi acquisti riguardano principalmente prodotti semplici che non necessitano necessariamente di attenzioni particolari:

Achat en utilisant l'assistant vocal

come puoi vedere in questo grafico, sono moltissimi gli utenti che stanno valutando l’utilizzo di assistenti vocali per effettuare acquisti.

Nota : ti starai chiedendo perché mi impegno a fornire così tanti dati. In effetti, ovviamente sto cercando di mostrarti i motivi per cui dovresti considerare gli assistenti digitali nelle tue strategie di marketing, ma non solo. 

Questi numeri possono aiutarti a prendere decisioni informate in base al tuo pubblico di destinazione. 

Ad esempio, sai che gli adulti di età compresa tra i 25 ei 49 anni fanno un uso massiccio degli assistenti vocali. Conosci anche i tipi di articoli che le persone probabilmente acquisteranno con il loro assistente vocale.

Queste informazioni ti consentono di aumentare i tuoi sforzi nell’ottimizzazione di determinati contenuti per la ricerca vocale, se necessario. 

Detto questo, bisogna riconoscere che questa tecnologia non è unanime.

2.6. Perché l’adozione di assistenti vocali incontra ostacoli?

È importante notare che il sistema non è ancora perfetto:

Les insatisfactions liées à l'assistant vocal

ci sono ancora attività che non vengono eseguite correttamente dagli assistenti vocali soprattutto con gli smartphone.

D’altra parte, la maggior parte di coloro che non usano gli assistenti vocali semplicemente non lo fanno interessatoa questa tecnologia:

Comment s'explique l'absence d'utilisation de l'assistant vocal _

Inoltre, il tema della privacy sembra molto importante per alcuni consumatori:

L'assistant vocal pose la question de la vie privée et de la confidentialité

infatti, ecco il commento che una persona intervistata durante lo studio PwC: 

Se voglio provare una nuova marca di caffè e compare un annuncio [il mio account sui social media], fantastico. Comunque lo stavo cercando su internet. Ma se l’assistente vocale ascolta le conversazioni quotidiane che ho con le persone della mia vita e poi usa ciò che viene detto per consigliare cose, per me è strano e penso che sia oltre i limiti della tecnologia..

Nonostante questi punti critici per l’evoluzione degli assistenti digitali, il loro futuro è già assicurato 

2.7. Cosa riserva il futuro per gli assistenti vocali?

2.7.1. Gli assistenti digitali conosceranno molto di più l’adozione Il 

geomarketing ci consente di vedere che il 65% dei proprietari di Amazon Echo o Google Home non può più immaginare la propria vita senza il proprio sistema di controllo vocale.

Infatti, chi utilizza questa nuova tecnologia sembra soddisfatto della propria esperienza:

Les utilisateurs de l'assistant vocal actuel envisagent-ils de l'utiliser dans le futur _

questa osservazione è confermata da uno studio Tractica che prevede che il numero di utenti unici di assistenti virtuali aumenterà da 390 milioni nel 2015 a 1,8 miliardi in tutto il mondo entro la fine del 2021.

Inoltre, il numero di aziende uniche che utilizzano gli assistenti vocali aumenterà da 155 milioni nel 2015 a 843 milioni nel 2021.

Il principale analista dell’azienda, Mark Beccue, afferma: 

Nel frattempo, la maggior parte dei giganti della tecnologia globale ritiene che i VDA [Virtual Digital Assistant] saranno vitali per le loro attività in futuro e stanno investendo risorse significative per acquisire quote di mercato in questa fase iniziale. Voicebot.ai

In effetti, le aziende sembrano investire negli assistenti vocali, ma molto meno dei privati:

Les Revenus du Voice de 2015 à 2021

, citato sopra, mostra che il 9,8% di coloro che non hanno uno smart speaker pensa di adottarlo nel 2018.

Les personnes qui envisagent d'acheter une enceinte intelligente cette année

Per l’orizzonte 2024, Mane.co.uk prevede che la quota di mercato di questa tecnologia aumenterà a un tasso annuo di quasi il 35% tra il 2016 e il 2024.

Possiamo quindi aspettarci che un numero significativo di utenti di Internet utilizzi assistenti personali intelligenti.

A questo livello, hai già un’idea della portata di questa rivoluzione che è già alle porte. Ora vi chiederò di vedere un po’ più in là tra qualche anno. 

2.7.2. Le funzionalità/capacità degli assistenti vocali si evolveranno

L’adozione degli assistenti digitali sarà maggiore, ma non è su questo che voglio attirare la tua attenzione in questa sezione.

In effetti, la tecnologia è in continua evoluzione e non c’è dubbio che i compiti che queste IA ci consentiranno di svolgere diventeranno più importanti e complessi. Mary Meeker descrive bene l’evoluzione del riconoscimento vocale nel suo rapporto annuale su Internet:

Inoltre, non dobbiamo dimenticare che il riconoscimento vocale stesso si è evoluto molto finora:

La reconnaissance vocale est de plus en plus pertinente

meglio, se stessi sono in grado di auto-migliorarsi poiché il loro sistema si basa su Intelligenza artificiale. 

Smartsheet dice: 

L’assistente vocale potrebbe diventare così intelligente che ordinerà automaticamente la pizza se dici che hai fame. Utilizzerà i dati esistenti dei tuoi acquisti precedenti per giungere alla conclusione che dire che hai fame è come ordinare una pizza. hai

un ristorante, vorresti essere il ristorante che l’assistente digitale sceglie come luogo per ordinare le pizze. Torneremo sulla parte SEO nei capitoli seguenti.

Theatlantic.com aggiunge: 

Un sottocampo dell’intelligenza artificiale chiamato creatività computazionale forgia algoritmi in grado di scrivere musica, dipingere ritratti e raccontare barzellette. I risultati finora non hanno minacciato di mettere gli artisti senza lavoro, ma questi sistemi possono aumentare l’immaginazione umana. » 

Non fermiamoci a queste due affermazioni futuristiche che descrivono cosa riserva il futuro con gli assistenti vocali.

Considera l’opinione di Ava Mutchler, co-fondatrice di Voicebot.ai: 

Penso che [gli assistenti vocali] saranno ovunque, e lo smart speaker potrebbe scomparire in pochi anni perché molte tecnologie, come televisori e frigoriferi, avranno il proprio assistente vocale. I bambini di oggi non capiranno che c’era un mondo in cui non si poteva parlare di cose”.

L’idea qui è di mostrarti dove siamo diretti quando si tratta di assistenti vocali. Sebbene una rivoluzione abbia bisogno di alcuni anni per diventare generale, è ovvio che è più che mai tempo di prepararsi.    

Naturalmente, questo è solo se vuoi che i tuoi contenuti siano quelli che verranno utilizzati dagli assistenti vocali per offrire risposte ai loro utenti.

Capitolo 3. Qual è l’impatto degli assistenti vocali sui motori di ricerca?

Nel capitolo precedente, avresti notato che gli utenti di Internet utilizzano gli assistenti vocali principalmente per effettuare ricerche sui motori di ricerca:

Les préférences des utilisateurs de l'assistant vocal

la ricerca vocale è in realtà una delle tante attività che gli assistenti digitali possono svolgere. 

Possiamo quindi definire la ricerca vocale come riferita all’utilizzo di uno smartphone, un computer o qualsiasi dispositivo elettronico dotato di un assistente vocale per eseguire le ricerche.

Tuttavia, è molto più un processo di dialogo poiché il sistema può occasionalmente porre ulteriori domande di chiarimento.

A questo livello, è del tutto legittimo chiedersi perché gli assistenti vocali siano popolari per la ricerca.

3.1. Perché la ricerca vocale è così popolare?

Ci sono tre fattori fondamentali dietro l’adozione di massa della ricerca vocale.

3.1.1. La ricerca vocale richiede meno sforzo

Come si può facilmente intuire, la ricerca vocale evita di dover utilizzare la tastiera per digitare una query che sembra noiosa.

Ed è proprio questa l’osservazione fatta da Stone Temple quando si chiede agli utenti di Internet perché usano i comandi vocali:

Pour quelles raisons les utilisateurs se servent de la commande vocale _

scrivere una query lettera per lettera può essere noioso rispetto alla ricerca vocale che può essere eseguita con il minimo sforzo.

Ad esempio, la ricerca di “come piantare frutta e verdura a parigi” richiede più tempo e richiede più concentrazione per iscritto che per parlare. 

3.1.2. La ricerca vocale è molto più veloce

La ricerca vocale è molto più veloce della digitazione e le statistiche indicano che questa velocità è maggiore 3,7 volte

La recherche vocale est 3,7 fois plus rapide que la saisie

al minuto, puoi vedere che il volume delle parole è significativamente più alto con la ricerca vocale. 

Per analogia, questa velocità può consentire agli utenti di Internet di ottenere rapidamente le informazioni di cui hanno bisogno. 

3.1.3.ricerca è più conveniente con i dispositivi mobili quando è vocale

Il terzo motivo è il fatto che la ricerca vocale sembra molto adatta alla ricerca sui dispositivi mobili. 

In effeti, Stone Temple mostra che il 58% degli utenti di telefoni cellulari utilizza la ricerca vocale.

I diversi motivi per utilizzare la ricerca vocale sono rilevanti e sono sufficienti per aumentare l’adozione di questa funzione. 

Ma prima di vedere le strategie che puoi utilizzare per adattarti a questa tendenza, diamo un’occhiata alle abitudini di ricerca.

3.2. In che modo la ricerca vocale sta cambiando il modo in cui le persone cercano?

3.2.1. Le query sono più lunghe e più colloquiali

La ricerca vocale ha cambiato il modo in cui le persone effettuano le ricerche in due modi diversi: le 

  • query sono diventate più lunghe;
  • Le ricerche sono diventate più colloquiali.

In effeti, Bing ha condotto uno studio che gli ha permesso di notare che le query vocali generalmente contengono più parole di quelle scritte:

A partir de 3 mots, les recherches passent de saisie textuelle à Voice

la cosa più interessante è che le query vocali sono molto più colloquiali. 

Ad esempio, una query scritta potrebbe essere simile a questa:

Forme de requete textuelle

“Definizione backlink”.

Mentre una richiesta vocale può essere del tipo: “che cos’è un backlink? »

Poser une question à un assistant vocal

Immagina di parlare con un tuo amico e di voler sapere cos’è un backlink. Quale delle due query utilizzerai?

Ovviamente, non andrai dal tuo amico e dirai semplicemente “definizione backlink”, ma piuttosto chiederai “che cos’è un backlink?” “.

Google ha confermato questo fatto mostrandolo Il 70% delle ricerche eseguite su Google Assistant sono in linguaggio naturale:

La plupart des requetes vocales sont en language naturel

come si può intuire, questo approccio alla ricerca delle informazioni ha necessariamente un impatto sull’approccio utilizzato per eseguire la ricerca per parole chiave. 

Avremo l’opportunità di analizzare questo aspetto nel capitolo 4.

3.2.2. La ricerca vocale sta cambiando la ricerca basata sulla posizione

Secondo un sondaggio di Stone Temple, gli utenti di Internet sono molto a loro agio nell’usare il proprio assistente vocale per effettuare una richiesta vocale anche in luoghi pubblici:

Quels sont les lieux où les utilisateurs se servent du Voice _

questo mostra quanto sia conveniente questo modo di fare richieste, non importa dove ti trovi.  

Si consideri, ad esempio, il fatto che la ricerca del tipo query “…. Near Me” è esploso negli ultimi anni.

In effeti, Google rivela che dal 2015 al 2017 la query di tipo “vicino a me” è aumentata di oltre il 500%:

Les-requetes-pres-de-moi-ont-drastiquement-augmente

nello stesso periodo, la query di tipo “…vicino a me adesso” è aumentata del 150%:

Le nombre de requête de type « ….près de moi maintenant » a augmenté drastiquement entre 2013 et 2017

quindi, possiamo stimare che una buona parte degli utenti di Internet che utilizzano la richiesta vocale potrebbero eseguire la richiesta del tipo “…vicino a me” nella loro ricerca.

Come sarebbe possibile? Usiamo un semplice esempio per capire.

Sei con tuo figlio e cammini per Parigi senza determinare in anticipo il ristorante dove pranzerai. 

Per la tua scelta, non prenderai solo il ristorante più vicino, ma avrai bisogno di un ristorante con una buona reputazione. 

Anche se quello più vicino è ottimo, ci piace lasciare che i motori di ricerca ci diano conferma del like Il 70% degli acquirenti lo fa.

Sebbene la query di testo contenga meno parole, sollevare il telefono e iniziare a digitare la query richiederà molta più attenzione. Inoltre, rischi di perdere di vista tuo figlio per qualche istante. 

Mentre con la ricerca vocale devi solo usare la tua voce e l’assistente vocale si occuperà di darti il ​​miglior ristorante in cui probabilmente andrai.

È così che succede di solito? Sembrerebbe così nella misura in cui la maggior parte degli utenti di Internet che ha effettuato una ricerca geolocalizzata visita o chiama durante il giorno:

Apres avoir cherche une entreprise locale 88 des utilsateurs se rendront sur place

questo è un buon esempio di come la ricerca vocale influisca sulla ricerca geolocalizzata.

3.2.3. La ricerca vocale sta cambiando il modo in cui le persone ricevono i risultati

In un articolo, Skift.com mostra che Google sta diventando un motore di risposta per i viaggiatori: 

Google è stato nel settore dei motori di ricerca dagli albori di Internet e ora si sta avvicinando a rispondere effettivamente alle domande di ricerca dei viaggiatori piuttosto che fornire un elenco di pertinenti e collegamenti irrilevanti. concetto

non si applica solo ai viaggiatori. 

Quando analizziamo l’evoluzione di Google dal Knowledge Graph allo snippet in primo piano, vediamo che il motore di ricerca cerca di fornire le risposte più pertinenti senza che i suoi utenti debbano eseguire altre azioni.

A questo proposito, la percentuale di clic nelle SERP è diminuita di quasi 37% nell’arco di 2 anni:

La diminution du Click Through Rate

Il motivo è molto semplice, non è più necessario fare clic su nulla per avere una risposta alla tua domanda: 

Indovina cosa? Google sta seguendo lo stesso approccio con la ricerca vocale. 

Dai un’occhiata all’immagine sopra, ho usato la query di testo per ottenere il risultato che volevo. 

Supponiamo che non avessi uno snippet in primo piano, avrei dovuto cercare i diversi URL che Google mi offrirà.

Scroll sur la page de résultat moteur de recherche

Ma con la ricerca vocale Google è in grado di dare risposte precise in pochi secondi:

Qu'est ce que le SEO ?

quando utilizzi l’app di Google, hai diritto anche alle SERP. Ma il motore di ricerca cerca di darti un risultato unico leggendo il risultato presente nello snippet in primo piano.

Les featured snippet vous permettent de ne pas etre oblige de cliquer pour consulter les pages

Secondo Culturegenerale, il Paese più grande del mondo: la Russia. Con i suoi 17.098.242 km² distribuiti su due continenti, Europa e Asia, la Russia è il paese più grande del mondo. La sua superficie corrisponde a circa l’11% della superficie terrestre. condizioni

, quale strategia adottare? 

Capitolo 4: Come fare SEO nel mondo della ricerca vocale?

Di certo non ho bisogno di mostrarti la relazione tra motori di ricerca e SEO. Ma sei d’accordo con me che se cambia il modo di fare ricerche e di avere i risultati a livello di utenti Internet, è fondamentale rivedere le strategie SEO.

Question femme assistant vocal

La ricerca vocale è considerata una vera e propria rivoluzione nell’ambito della SEO poiché cambia il modo in cui gli utenti di Internet interagiscono con i motori di ricerca.

Quando esegui una normale ricerca su Google dal tuo computer, tablet o laptop, in genere vedrai: 

  • 1-3 annunci nella parte superiore; 
  • 10 risultati di ricerca organici.

Ma se esegui una ricerca vocale, a volte otterrai solo un risultato. 

In effetti, se esegui una ricerca vocale su un dispositivo con schermo, potresti essere abbastanza fortunato da vedere alcuni risultati aggiuntivi.

Ma se ciò avviene tramite uno Smart Speaker, Smart Watch o in macchina tramite Apple CarPlay o Android Auto, devi essere in prima posizione per avere visibilità.

Quindi, anche senza arrivare al primo posto nelle classiche SERP, si beneficia di una buona visibilità con una notevole quantità di traffico. Ma con la ricerca vocale essere in 2a o 3a posizione non ti permette di avere visibilità. 

Quindi, come aumenti le tue possibilità di classificarti al primo posto per la ricerca vocale?

4.1. Come si ricercano le parole chiave nel mondo della ricerca vocale?

La ricerca di parole chiave è un passaggio molto importante nell’ottimizzazione dei contenuti sul web. 

Con la ricerca vocale, non rimane meno cruciale e potrebbe diventare molto più importante di prima.

I seguenti passaggi ti faranno sapere cosa fare.

4.1.1. Conosci bene il tuo pubblico per simulare le loro conversazioni

Il successo della ricerca di parole chiave dipende sempre dal livello di conoscenza che hai del tuo pubblico di destinazione. Questo è ancora più accentuato con la ricerca vocale.

Nella sezione seguente, avrai l’opportunità di vedere che i contenuti sotto forma di domande/risposte sono preferiti per la ricerca vocale.

Ora, se non conosci abbastanza bene il tuo pubblico, come puoi determinare esattamente quali domande potrebbero avere? E questo, al fine di fornire elementi di risposta ai loro bisogni.

Certo, sarà molto difficile realizzare un’impresa del genere.

Ecco perché ti consiglio di progettare un personaggio acquirente o se lo hai già, aggiornalo se non l’hai già fatto.

User Personna 3 Bertrand Sanchez

Tieni presente che: 

Le Personas sono personaggi di fantasia utilizzati in genere nelle strategie di marketing incentrate sull’utente. Queste persone sono create per rappresentare i diversi tipi di clienti ideali per la tua attività o sito web. » 

Partage social moyen d un resultat de recherche vocale

Se non sai cos’è e come crearlo, consulta il mio articolo sul bozzolo semantico.

Oltre a poter creare delle Buyer Personas, avrai l’opportunità di scoprire come creare contenuti adatti alle loro esigenze e come creare un efficace networking interno.

Su questo, ti consiglio di prendere utili fonti di informazione come: 

  • Forum di discussione; 
  • I dati del tuo servizio clienti; 
  • Dati dal tuo CRM o e-mail.

Queste sono solitamente le fonti che ti permettono di avere un’idea chiara delle preoccupazioni del tuo pubblico di destinazione.

Inoltre, utilizza i dati demografici del pubblico di Google Analytics per avere una panoramica di chi sono i tuoi visitatori, quindi analizzali per gruppi di affinità e interessi.

Vai oltre e considera anche: 

  • condurre interviste con il tuo pubblico;
  • Tenere tavole rotonde;
  • Conduci sondaggi di opinione con il tuo pubblico e raccogli anche domande/risposte. 

Usa questi dati per identificare i punti deboli tipici e le soluzioni che cercano. 

Ancora più importante, presta attenzione al linguaggio che usano per elencare il loro problema. 

Questo ti consente già di avere parole ed espressioni che puoi integrare nei tuoi contenuti ottimizzati per la ricerca vocale.

4.1.2. Promuovi parole chiave in linguaggio naturale

Quando si effettua una ricerca per parole chiave, è importante tenere a mente che la ricerca vocale si basa molto di più sul linguaggio naturale e colloquiale. 

Diciamo che stai facendo una ricerca per parola chiave su “scarpe”. 

Tu usi per esempio Ubersuggest, per avere idee per le parole chiave:

Ubersuggest idees de mots cles plus resultats

Di solito ti basi su elementi come: 

  • volume di ricerca; 
  • Il valore per clic; 
  • Difficoltà SEO o SEA; 
  • Ecc…

Ma con la ricerca vocale, c’è il fattore “linguaggio naturale” o “conversazionale” che viene aggiunto. 

Man mano che l’adozione della ricerca vocale cresce, le parole chiave dal suono naturale riceveranno un aumento del volume di ricerca.

È per questo motivo che preferirai una parola chiave come “scarpe da passeggio da donna” rispetto a “scarpe da passeggio da donna”.

La prima parola chiave ti consentirà di ottenere prestazioni migliori nelle SERP per la ricerca vocale rispetto alla seconda.

Tieni presente che le parole chiave dal suono meccanico funzioneranno sempre meno con la ricerca vocale. 

Ricorda anche che l’unico modo per ottimizzare i contenuti RankBrain , che è l’IA di Google, utilizza un tono naturale.

4.1.3. Adotta parole chiave naturali anche se sembrano lunghe

Le parole chiave a coda lunga non hanno un volume di ricerca elevato. È per questo motivo che spesso vengono lasciate a scapito delle classiche parole chiave.

Come abbiamo visto, le query sono diventate relativamente più lunghe con la ricerca vocale:

A partir de 3 mots, les recherches passent de saisie textuelle à Voice

per questo motivo, puoi essere rassicurato dall’idea di utilizzare parole chiave con più di 5 parole. 

Detto questo, non si tratta di ottimizzare le tue pagine solo con tali parole chiave.

L’idea è di disperderli su tutti i tuoi contenuti poiché Google è in grado di trovarli indipendentemente da dove si trovino nel contenuto.

Resultat selectionne par assistant vocal

Questo è un concetto che ci prenderemo il tempo per sviluppare ulteriormente. Tieni presente, tuttavia, che Google è in grado di rispondere alle query vocali indipendentemente da dove si trovi il contenuto.

4.1.4.priorità alle parole chiave delle query

Nel suo articolo sull’impatto della ricerca vocale sul mercato della ricerca, Searchenginewatch ha condotto uno studio per determinare la frequenza con cui le parole chiave delle query sono apparse nelle query. 

Queste sono parole chiave come: 

  • Chi: Chi; 
  • Come come;
  • Quando quando; 
  • Dove dove; 
  • Perchè perchè; 
  • Cosa cosa.

Hanno scoperto che c’è una crescita del 61% in queste frasi anno dopo anno:

Augmentation du nombres de requêtes sous forme de questions entre 2017 et 2018

come puoi vedere, le query contenenti la domanda “chi” sono le più popolari. 

Secondo il sito, questo avrebbe un rapporto diretto con la ricerca vocale e il Knowledge Graph.

Se hai notato, dobbiamo utilizzare le query di query meno con la ricerca classica rispetto a quanto facciamo con la ricerca vocale.

Ad esempio, supponiamo di voler conoscere il nome della moglie di Barack Obama.

Per una query tipica, probabilmente utilizzerai una query come “barack obama wife”:

Exemple de requete textuelle

Detto questo, probabilmente non utilizzerai questa query quando vai alla ricerca vocale. 

Non sarebbe conveniente usare la voce e dire a Google “donna barack obama”.

Piuttosto, farai una domanda nella forma: 

Exemple de requete vocale

“Chi è la moglie di Barack Obama”.

Quindi, come trovi tali parole chiave per ottimizzare i contenuti?

4.1.5. Come trovare parole chiave pertinenti per la ricerca vocale?

L’opzione migliore per trovare parole chiave che rispondano alle domande del tuo pubblico è utilizzare gli strumenti SEO.

Strumento 1: Rispondi al pubblico

Rispondi al pubblico è un potente strumento per trovare ottime parole chiave e argomenti di cui parlare:

Page d accueil Answer the public

è abbastanza facile da usare, ma considera di sottoscrivere un abbonamento se vuoi sfruttare tutto il potenziale dello strumento. 

Anche se dedicherò un altro articolo al suo utilizzo, ecco in poche parole come puoi goderti lo strumento gratuitamente.

Sceglierai la lingua in cui desideri avere le tue risposte:

Utilisation de Answer the public 1

Dopo aver cliccato su “Ricevi domande”, avrai la seguente pagina:

Utilisation de Answer the public 2

Hai cinque tipi di risultati: 

  • Domande; 
  • Argomenti suggeriti; 
  • confronti; 
  • L’alfabetico che comprende le diverse varianti del termine;
  • Termini relativi.

Per il tema “calzatura sportiva”, ho 50 domande che il pubblico potrebbe porsi:

Utilisation de Answer the public 3

Lo stesso vale per le proposte: 

Utilisation de Answer the public 4

In termini di confronto, ho i seguenti elementi: 

Utilisation de Answer the public 5

 I termini relativi sono i seguenti: 

Utilisation de Answer the public 3

Per quanto riguarda l’alfabetico interessato, ho le seguenti proposte:

Utilisation de Answer the public 7

Lo strumento ti offre anche la possibilità di importare tutti gli elementi di risposta in CSV per l’analisi manuale o l’integrazione in determinati strumenti:

Utilisation de Answer the public 8

O anche di scaricare i dati nell’immagine del modulo: 

Utilisation de Answer the public 9

con questo strumento puoi trovare facilmente una moltitudine di parole chiave che possono aiutarti a ottimizzare i tuoi contenuti per la ricerca vocale.

Non ci fermeremo qui!

Strumento 2: BuzzSumo Question Analyzer

C’è anche BuzzSumo Question Analyzer che è molto utile per trovare le domande che gli utenti di Internet pongono su un tema particolare:

BuzzSumo Question Analyser

Per imparare a utilizzare questa funzione, puoi consultare la guida di BuzzSumo che ha molti dettagli che non posso darti al momento.

Ma trovo interessante affrontare l’argomento nella sua interezza un’altra volta.

Con questi due strumenti, avrai la possibilità di trovare tutte le parole chiave di cui hai bisogno per ottimizzare i tuoi contenuti per la ricerca vocale.

4.2. Come ottimizzare i contenuti per la ricerca vocale? 

Hai già le tue parole chiave ed è ora di passare ai passaggi aziendali che puoi intraprendere per ottimizzare i tuoi contenuti per la ricerca vocale.

4.2.1. Usa risposte brevi e concise nei tuoi contenuti 

Brian Dean ha condotto uno studio sulla ricerca vocale e ha scoperto che Google tende a restituire risposte brevi che sono lunghe circa 29 parole: ad 

En moyenne une réponse vocale est de 29 mots

esempio, quando cerco “cos’è l’intelligenza artificiale? Ho una risposta di 23 parole: 

Intelligenza artificiale insieme di teorie e tecniche che sviluppano programmi informatici complessi in grado di simulare determinati tratti dell’intelligenza umana (ragionamento, apprendimento, ecc.). .

Qu'est ce que le SEO ?

Per eseguire ottimizzazioni per la ricerca vocale, è utile tenere presente questo fattorePertanto, i tuoi contenuti possono essere utilizzati per fornire risposte alle domande degli utenti.

Con questo in mente, puoi consigliare determinati tipi di contenuti ideali per la ricerca vocale.

4.2.2. Creare tipi di contenuto che si adattano alla ricerca vocale 

Le forme di contenuto più adatte alla ricerca vocale sono: 

  • FAQ o Domande frequenti; 
  • Guide pratiche.

Il motivo per cui questi contenuti sono ottimi per la ricerca vocale è perché le query vocali sono generalmente sotto forma di domande.

Infatti, dopo il termine “chi” le cui risposte saranno probabilmente brevi e proverranno dal Knowledge Graph, c’è il “come”.

Come sai, “Come” è il termine più utilizzato nelle FAQ o nelle guide.

Augmentation du nombres de requêtes sous forme de questions entre 2017 et 2018

Inoltre, ricorda che Google tende a dare una media di 30 parole per le risposte che offre ai suoi utenti. 

Non c’è dubbio che questi due importanti criteri possono essere facilmente soddisfatti con una pagina delle FAQ.

Attraverso il suo studio, Brian Dean ha scoperto che le risposte offerte per la ricerca vocale provengono quasi il doppio dalle FAQ:

Résultat provenant de la page FAQ

Ha fatto questo esempio: 

Exemple de reponse vocale a partir d une FAQ(1)

Ad essere sincero, ho provato una decina di domande, ma non sono riuscito a ottenere un esempio concreto di una risposta da una FAQ. 

D’altra parte, la maggior parte delle risposte che ho avuto provenivano da guide. Ad esempio, quando faccio la richiesta “come scegliere la scarpa giusta”, Google mi propone un articolo sotto forma di guida:

Les reponses vocales proviennent princiaplement de guides(1)

Stesso tipo di contenuto offerto per la domanda “quando posso andare a caccia di cinghiale” :

Les reponses vocales proviennent princiaplement de guides 2

Per un po’ tu ho notato che la maggior parte delle query che ho avuto l’opportunità di utilizzare come esempi sono frammenti di funzionalità. C’è una ragione per questo ! 

4.2.3. Ottimizza i tuoi contenuti per lo snippet 

Secondo lo studio di Brian Dean, il 40,7% delle risposte dalla ricerca vocale proviene dallo snippet in primo piano.

40,7% des réponses issues de la recherche vocale viennent du featured snippet

Ad esempio, quando faccio la domanda: “come piantare un albero?” Google mi dà questa risposta:

Exemple la plupart des reponses vocales viennent des featured snippets

in effetti, Google ha letto solo il frammento di feautred come risposta.

essere nel snippet in primo piano è quindi un obiettivo rilevante per avere visibilità per la ricerca vocale con Google Home e Alexa.

Come promemoria, lo snippet in primo piano o posizione zero è il risultato che fornisce una risposta breve e precisa alla tua domanda. In genere non supera le 3 o 4 righe e offre un collegamento alla fonte.

Featured Snippet résultat Google

STAT ha condotto uno studio in cui è stato riscontrato che il testo rappresenta l’81,95% di tutti gli snippet in primo piano. Mentre gli elenchi rappresentano il 10,77% e le tabelle vengono utilizzate nel 7,28% dei casi.

Oltre ai testi ottimizzati per lo snippet in primo piano, puoi considerare elenchi puntati che occupino la posizione 0.

4.2.4. Scrivi i tuoi contenuti in un linguaggio colloquiale e naturale 

Abbiamo già trattato questo aspetto della ricerca vocale, ma torniamo ad alcuni punti.

In effetti, la ricerca testuale sembra più meccanica nella misura in cui ci si concentra sull’inserimento delle parole più importanti di una query.

La ricerca vocale è più colloquiale e di solito non ci sono parole omesse nelle query.

È ad esempio: “come scegliere la giusta misura di scarpa?”che 

hai incorporato questa frase nel tuo contenuto. 

O sotto forma di sottotitolo o di una domanda con la risposta che segue direttamente avente una lunghezza di 30 parole.

Google sarà in grado di rilevare la corrispondenza tra i tuoi contenuti e la richiesta dell’utente Internet. 

Difficilmente sarebbe stato così se avessi usato una parola chiave come “scegli la giusta misura di scarpe”.

4.2.5. Crea contenuti di lunga durata e utilizza parole chiave a coda lunga

Google non si basa più esclusivamente sulle parole chiave per fornire i propri risultati. 

Questo vale anche per la ricerca vocale minore di 2% di tutti i risultati della ricerca vocale ha le parole chiave esatte nel tag del titolo.

Le mot clé exact apparait dans le titre 1,71%

Ciò significa semplicemente che Google non fa necessariamente affidamento sulla presenza di determinate parole nel titolo per offrire i propri risultati.

Il motore di ricerca è in grado di trovare la risposta pertinente a una domanda, anche se si tratta di una porzione molto piccola del testo.

Prendi questo esempio: “Avere un giardino fa bene alla salute?”mi 

L algorithme de Google est capable de prendre plusieurs parties d un contenu pour donner un resultat vocal

, vediamo il contenuto della pagina:

L algorithme de Google est capable de prendre plusieurs parties d un contenu pour donner un resultat vocal 2

Come puoi vedere, il motore di ricerca ha attinto da luoghi diversi gli elementi della risposta che mi ha offerto.

Per questo motivo, è importante produrre contenuto di autorità che si posizionerà su diverse query di ricerca vocale.

Ora conosci le strategie essenziali da adottare per ottimizzare i tuoi contenuti per la ricerca vocale. Ma come al solito non mi fermo qui e ti darò tanti consigli da utilizzare per adattarti alla ricerca vocale. 

Capitolo 5: 18 strategie e suggerimenti per classificare meglio le richieste vocali

In questa sezione avrai una moltitudine di suggerimenti, uno interessante quanto l’altro. Sono solo un’estensione dei punti che ho trattato finora!

Suggerimento 1: rispondi brevemente a tutte le domande 

Inutile dire che vogliamo rispondere a tutte le domande del nostro pubblico. 

Ma questa volta, è essenziale non solo identificare le domande, ma anche conoscere i diversi modi in cui vengono poste dal nostro pubblico.

Il modo in cui rispondi a queste domande è molto importante.

Suggerimento 2: scrivi contenuti di facile comprensione

Secondo lo studio di Brian, il risultato medio della ricerca vocale è l’equivalente di un livello di lettura di 3a elementare al college:

Niveau de lecture 3ème au Collège

ovvero, i testi sono scritti con parole ed espressioni semplici. Ciò facilita la comprensione del contenuto.

Ecco perché dovresti evitare di usare molti termini del tuo gergo. 

Se desideri che i tuoi contenuti vengano utilizzati per fornire risposte alle domande vocali, rendili semplici e facili da digerire. 

Suggerimento 3: le query vocali possono essere più lunghe, ma le risposte devono essere brevi e concise

Le query vocali sono più lunghe delle query di testo. Ma è importante essere brevi e mirare a frasi brevi e colloquiali per ottimizzare i tuoi contenuti.

Assicurati che le frasi siano brevi/concise e che la risposta sia all’inizio della pagina, del paragrafo o della frase.

Des-phrases-courtes

Inoltre, considera di riassumere i tuoi contenuti nella parte superiore della pagina utilizzando un sommario o un breve elenco puntato di punti chiave. 

Suggerimento 4: crea un centro di assistenza clienti in loco o almeno una sezione delle domande frequenti.

Ciò ti consentirà di rispondere a molte domande frequenti del tuo pubblico.

Inoltre, grazie a una rete interna intelligente, puoi aggiungere indizi ad altre pagine del tuo sito web.

Foire aux questions SEO

L’aggiunta di un centro di supporto ha anche ulteriori vantaggi dal punto di vista della gestione delle relazioni con i clienti. In effetti, probabilmente ridurrai i costi del servizio clienti e avrai anche meno clienti insoddisfatti.

Suggerimento 5: co-crea risposte con i membri del pubblico

Co-creare contenuti di domande e risposte con membri chiave del tuo pubblico è un’ottima opzione per ottimizzare la SEO dei tuoi contenuti. 

Questo perché i tuoi utenti avranno meno probabilità di trovare risposte troppo ottimizzate o pronte per la SEO. Probabilmente scriveranno in modo più naturale con i termini più appropriati.

Fonte: Peopleproject 

Inoltre, sulla scala di fidelizzazione dei clienti, la co-creazione con membri del pubblico come partner nei progetti è considerata uno dei livelli più alti raggiungibili.

Echelle de la loyauté

Suggerimento 6: anticipa le prossime domande o necessità di informazioni

Ponetevi le seguenti domande:

  • cosa chiederà il vostro pubblico dopo e come lo stanno chiedendo?
  • Quali sono le tipiche domande sequenziali che si susseguono?

Pensa alle attività dell’utente e ai passaggi per eseguire tali attività durante la ricerca. 

In questo modo i tuoi contenuti verranno acclamati perché Google lo considererà completo e sarà in grado di soddisfare pienamente l’utente. 

Suggerimento 7: mantieni il contesto della tua scrittura

Con la ricerca vocale, non è molto efficace usare espressioni come: 

  • lui/lei è; 
  • Sono; 
  • Eccetera.

Invece, fare riferimento all’entità o alla persona nominata per evitare confusione. Cerca di mantenere il contesto linguistico il più spesso possibile, a meno che non sia ridicolo.

Suggerimento 8: usa parole di riempimento nelle tue parole chiave

Ora sai che le query di ricerca vocale sono generalmente complete senza parole mancanti. 

È per questo motivo che è saggio utilizzare le parole chiave complete.

Pensez à utiliser des mots de remplissage dans vos mots clés

Come sottolineato Purna Virji da Bing: 

Più corrispondenze hai, più è probabile che il tuo annuncio venga visualizzato in una ricerca vocale che include parole come “a” e “me” e “per””.

Quando ottimizzi i tuoi contenuti per le query vocali, assicurati di includere parole chiave complete che suonino naturali e colloquiali.

Suggerimento 9: Avere un testo impeccabile

Un altro punto molto importante da tenere a mente è assicurarsi di scrivere il contenuto nella lingua in cui è probabile che parlino e prestare attenzione agli errori grammaticali e alla pronuncia.

Nella ricerca vocale, il testo sembra pronunciato esattamente come è scritto con l’ortografia e la grammatica. 

Fonte: Motadits

Errori grammaticali e di ortografia nei testi scritti sulle pagine web possono quindi essere un vero handicap quando si vuole che i propri contenuti siano ottimizzati per la ricerca vocale.

Suggerimento 10: anticipa le domande successive con le query suggerite

Un’analisi delle query nei risultati di ricerca ci fornisce indizi solidi su ciò che viene dopo dagli utenti tipici.

Google di solito ha sezioni per mostrare altri tipi di domande dei suoi utenti. Ciò ti consente di annusare ciò che le persone stanno veramente cercando e quindi di fornire risposte pertinenti.

Questa è la sezione “Altre domande poste”: 

Les autres questions des utilisateurs proposees par Google

contiene anche “Ricerche correlate”:

Les recherches associees a la requete proposees par Google

Suggerimento 11: proteggi il tuo sito Web con il certificato SSL I

siti Web HTTPS dominano i risultati della ricerca vocale di Google. 

Infatti, Lo studio di Backlinko mostra che il 70,4% delle pagine dei risultati di Google Home sono protette con il protocollo HTTPS:

Adoption du HTTPS

curioso sapere che Moz tiene traccia delle funzionalità SERP più importanti e dei fattori di ranking nella sua tabella delle caratteristiche Mozcast.

Al momento della stesura di questo articolo, le pagine HTTPS rappresentava il 96,4%:

MozCast le Https est le facteur de classement le plus important

Fonte: Moz

In effetti, Moz tiene traccia della SERP per 10.000 parole chiave ogni notte e di tutti i siti che si classificano per quelle 10.000 parole chiave, il 96,4% è HTTPS tra i primi 10 risultati.

Poiché non si tratta solo delle classiche SERP o della ricerca vocale, è importante notare che la sicurezza dei siti Web con il certificato SSL è molto importante.

Non esitate a consultare il mio guida su HTTPS per proteggere il tuo sito web.

Suggerimento 12: il numero di condivisioni sui social network è importante 

. Secondo lo studio di Brian, i contenuti con un alto livello di coinvolgimento sociale tendono a funzionare bene nella ricerca vocale.

Infatti, il risultato medio di una ricerca vocale è di 1.199 azioni Facebook e 44 Tweet: 

Partage social moyen d un resultat de recherche vocale

a questo livello, è importante notare che Google non utilizza le condivisioni social per classificare i contenuti:

Google n utilise pas les signaux des reseaux sociaux pour classer les resusltats

infatti, l’azienda utilizza le condivisioni social per migliorare l’esplorazione o la scansione dei contenuti. 

Inoltre, non c’è dubbio che la maggior parte dei contenuti che ricevono elevati volumi di backlink tendono anche a ricevere elevati volumi di condivisioni sui social.

E sono proprio i backlink da altri siti web che consentono alle pagine di posizionarsi nelle SERP. 

Infine, tieni semplicemente presente che più i tuoi contenuti ottengono visibilità e condivisioni, maggiori sono le possibilità di essere considerati la risposta perfetta a determinate domande.  

Suggerimento 13: Sii tra i primi 3 per i tuoi argomenti

È molto probabile che anche i contenuti che si classificano in alto nella ricerca tradizionale appaiano come risposta alla ricerca vocale. 

Brian mostra che circa il 75% dei risultati della ricerca vocale si classifica tra i primi 3 per questa query.

Sebbene ci sarà un continuo aumento del numero di query vocali, la ricerca desktop tradizionale rimane importante. Google continuerà a fare affidamento sui suoi fattori di ranking primari per determinare quali risultati sono rilevanti per la ricerca vocale.

Quindi è sempre importante continuare a ottimizzare il tuo sito web come già fai per occupare le prime posizioni delle SERP.

Suggerimento 14: ottimizza la velocità di caricamento del tuo sito web La 

velocità di caricamento è uno dei criteri di ranking più importanti Google

La vitesse de chargement des sites web est un facteur de classement tres important

Ciò è confermato anche a livello di ricerca vocale poiché Google offre i suoi risultati vocali in 0,54 secondi

Questo supera la velocità di caricamento media dei siti Web di 3,8 volte: 

Temps de chargement first byte

per stare al passo con questa velocità, è importante assicurarsi che il tuo sito Web si carichi molto rapidamente.

Consiglio 15: Migliora l’autorevolezza del tuo sito web 

La correlazione tra l’autorevolezza dei siti web e la loro posizione nelle SERP è alta: 

Position dans Google en fonction de l autorite de domaine du site

lo stesso vale per la ricerca vocale poiché l’autorità media dei domini utilizzati da Google per visualizzarne i risultati è quasi 77: 

En moyenne les requêtes de la recherche vocale ont une autorité de domaine de 76,8%

questo è ovviamente un numero abbastanza alto, ma non preoccuparti! Google può utilizzare i contenuti di siti Web con autorità inferiore laddove lo ritenga pertinente.

Questo è il mio esempio precedente “come scegliere la scarpa giusta?” : 

L'autorite des domaines utilises pour les reponses vocales peut etre basse

autorità del sito Web è 43:

L autorite des domaines utilises pour les reponses vocales peut etre basse 1

Detto questo, l’autorità della pagina non sembra essere un fattore di ranking molto importante per la ricerca vocale.

En moyenne les requêtes de la recherche vocale ont une autorité de page de 21,1%

La correlazione è piuttosto debole secondo questo studio, ma quello che è certo è che Google tiene conto dell’autorevolezza del sito web.

Questo perché la maggior parte dei risultati della ricerca vocale sono solo un risultato.

Pertanto, Google deve sapere che offre una risposta da una fonte attendibile. Cioè, informazioni da un sito Web che ispirano molta fiducia e autorità.

Tuttavia, tieni presente che l’autorità di dominio ha più peso dell’autorità di pagina web. Pertanto, un nuovo articolo può essere preso in considerazione per la ricerca vocale se Google lo ritiene pertinente.

Per fare ciò, concentra i tuoi sforzi sull’ottimizzazione dell’autorità del tuo sito Web, in particolare attraverso il creazione di backlink.

Suggerimento 16: adotta contenuti di lunga durata 

Esiste una forte correlazione tra la lunghezza dei contenuti e la classifica dei risultati su Google:

Position dans Google en fonction du nombre de mots

infatti, la lunghezza media dei contenuti sulla prima pagina di Google è di 1.900 parole

Secondo lo studio Secondo Brian, la lunghezza media dei contenuti per la ricerca vocale è maggiore di 2.312 parole: 

En moyenne les requêtes de la recherche vocale ont un nombre de 2312 mots

tuttavia, ciò non significa necessariamente che per la ricerca vocale Google metta maggiormente l’accento sui contenuti lunghi.

Dovrebbe essere chiaro che una pagina con contenuti lunghi e ricchi ha maggiori probabilità di “corrispondere” a diverse query voce.

Resultat selectionne par assistant vocal

Quindi, anche se gli utenti Internet utilizzano altri termini con l’intenzione di avere le stesse informazioni, Google sarà in grado di offrire i tuoi contenuti.

Suggerimento 17: ottimizza i tuoi video per lo “snippet video in primo piano”

Per diversi anni, Google ha enfatizzato i video per determinate query. 

Tuttavia, questo formato di contenuto non è stato presentato nello snippet in primo piano fino a poco tempo:

Optimisez vos videos pour le featured snippet 1

Fonte: HubSpot

HubSpot ha condotto uno studio su questo tipo di risultato nel 2018 e indica che: 

  • Il nome di un video è molto importante;
  • Il video aggiornato è molto importante;
  • La classifica del video su YouTube non è molto importante; 
  • La lunghezza del video non era importante; 
  • Una descrizione testuale e dettagliata è molto importante.

La cosa più interessante è che Google riesce a saltare direttamente alla parte che sembra più pertinente alla tua domanda: 

Optimisez vos videos pour le featured snippet 1

Brian dice che questo tipo di risultati tende a presentarsi per le query con un tono naturale:

“E dai miei test informali (e dai dati di Bing) , questi tipi di risultati video tendono a essere visualizzati più spesso per le query in linguaggio naturale. (Il tipo di query in linguaggio naturale che le persone usano nelle ricerche vocali)

Per illustrare questa parte, userò l’esempio di Brian che è particolarmente difficile da replicare. 

Consideriamo infatti che vuoi classificare i tuoi video su YouTube e che esegui la richiesta “YouTube SEO”.

Optimisez vos videos pour le featured snippet 3

Fonte: Backlinko 

Per questa query, ci sono video come risultati, ma occupano la quinta posizione delle SERP: 

Optimisez vos videos pour le featured snippet 4

Fonte: Backlinko 

Tuttavia, quando si sceglie una query più colloquiale o naturale, la classifica cambia.

Considera la query “come posso classificare i miei video di YouTube” ed ecco i risultati:

Optimisez vos videos pour le featured snippet 5

come puoi vedere, ottieni uno snippet video in primo piano. 

Ovviamente, questo è il tipo di query che un utente farà con la ricerca vocale.

Questo rende importante pensare anche all’ottimizzazione dei tuoi video per la ricerca vocale.

Suggerimento 18: ottimizza per la query “….vicino a me” o “vicino a me”

La ricerca vocale si è evoluta grazie alla capacità di Google di determinare l’intento di ricerca dei suoi utenti. 

Qualche anno fa eri obbligato a specificare il luogo o la città in cui ti trovi per poter geolocalizzare i risultati.

Ora le cose sono diverse e puoi eseguire query come: “ristorante nelle vicinanze” e ottenere risposte pertinenti:

Optimisez votre referencement local pour la recherche vocale

se hai una struttura locale, dovresti anche pensare all’ottimizzazione includendo i termini utilizzati per la ricerca vocale.

Ad esempio, se il tuo ristorante è vicino alla Torre Eiffel, ottimizzerai i tuoi contenuti per la parola chiave “ristorante vicino alla Torre Eiffel”.

Pertanto, quando un utente di Google è alla Torre Eiffel e cerca “ristorante nelle vicinanze”, sarà in grado di vedere il profilo Google My Business .

È importante notare che quasi la metà delle ricerche su Google ha a impostazione locale :

46 des recherches sur Google ont un parametrage locale

Inoltre, va notato che le ricerche locali su dispositivi mobili spesso si traducono in un acquisto: 

Apres avoir cherche une entreprise locale 88 des utilsateurs se rendront sur place

l’intento del dispositivo mobile è molto diverso da quello del desktop e questo deve essere preso in considerazione.

Renditi conto che è probabile che le ricerche vocali sui telefoni cellulari vengano eseguite molto più localmente che su dispositivi domestici come gli altoparlanti intelligenti. 

È importante capire quali query sono tipiche per quale tipo di dispositivo, in quale scenario e quali sono le preferenze di consumo del tuo pubblico.

Il modo in cui formulerai le pagine dovrà essere adattato a questi diversi dispositivi e al comportamento dell’utente.

I consumatori diranno cose diverse in momenti diversi su diversi tipi di dispositivi e in diversi scenari.

Dispositifs electroniques utilises par l assistance vocale

Gli utenti vogliono sempre essere in grado di consumare informazioni in modi diversi e sappiamo che esistono diversi stili di apprendimento: 

  • Visual; 
  • Verbale; 
  • fisico; 
  • uditivo; 
  • Logica; 
  • sociale; 
  • Solitario. 

Ognuno di noi ha le sue preferenze o preferenze parziali con un mix di stili a seconda degli scenari o anche del nostro umore in quel momento.

Quindi assicurati di ottimizzare i tuoi contenuti considerando tutte le possibilità attraverso Google My Business e Google Maps per la tua visibilità locale.

E il gioco è fatto, siamo alla fine dei vari consigli che ho trovato per condividere con voi. 

Ma non posso lasciarti senza darti alcuni casi studio di ricerca vocale nella vita reale.

Capitolo 6: 2 casi di studio della ricerca vocale

Ora hai un’idea di cosa fare per ottimizzare i tuoi contenuti per la ricerca vocale. 

Ma è sempre utile vedere come altre persone sono riuscite a far apparire i loro contenuti per questo tipo di ricerca.

Fino ad allora ammetto di non aver avuto modo di ottimizzare concretamente i miei contenuti per la ricerca vocale. 

Quindi non ho un caso di studio personale e dettagliato da mostrarti. Detto questo, farò affidamento sui casi di studio presentati da Brian Dean nel suo articolo sulla ricerca vocale.

L’idea è di permettervi di vedere effettivamente cosa è stato fatto e i risultati raggiunti.

Caso di studio 1: Guida di Backlinko alla creazione di canali YouTube 

Brian ha pubblicato una guida alla Marketing su YouTube che ha ottimizzato per la ricerca vocale: 

Etude de cas pour la recherche vocale 1

per far funzionare bene il suo articolo per la ricerca vocale, ha inserito le domande frequenti in diverse parti della sua guida.

Il che sembra aver funzionato poiché la risposta data da Google in merito alla query “Cos’è una descrizione di un canale YouTube?” è tratta dal loro articolo:

Etude de cas pour la recherche vocale 2

Fonte: Backlinko

L estratto dal suo post:

Etude de cas pour la recherche vocale 3

Parliamo ora di alcuni fattori che potrebbero aver causato il suo contenuto da considerare nella ricerca vocale.

6.1.1. La presenza di una sezione delle domande frequenti

Nella sua guida, Brian ha avuto cura di rispondere alle domande di base che ognuno poteva porsi.

Etude de cas pour la recherche vocale 4

Fonte: Backlinko 

Si tratta di menzionare la domanda e fornire una risposta breve e concisa, idealmente entro il margine di 30 parole.

6.1.2. La presenza del contenuto nello snippet in evidenza 

Per la stessa query, il contenuto in questione viene utilizzato per dare una risposta diretta nello snippet in evidenza:

Etude de cas pour la recherche vocale 5

Fonte: Backlinko 

Come puoi vedere, la risposta è chiara e concisa poiché la traduzione dà questo: 

Una descrizione del canale (nota anche come “Pagina Informazioni”) è una breve panoramica del tipo di contenuto che pubblichi sul tuo canale. Appare nella pagina dei tuoi canali e nei risultati di ricerca di YouTube. In

inglese, questa definizione è lunga 35 parole, il che non è un conteggio delle parole ideale.

6.1.3. Il livello di comprensione del testo 

Avendo letto il suo contenuto sulla descrizione di un canale YouTube, confermo che il livello di lettura è relativamente basso. 

Non è necessario essere un esperto di marketing su YouTube per comprendere la sua guida e anche i principianti possono cavarsela facilmente.

6.1.4. Backlinko Domain Authority 

Un’analisi della Domain Authority di Backlinko.com su Ahrefs rivela che il Domain Rating è 85, che è ben al di sopra della media di 77.

Autorite du domaine backlinko 85

D’altra parte, la Page Authority è molto bassa poiché è 12.

Autorite-du-domaine-backlinko-12

Sembra che il l’autorità delle pagine non è molto importante per la ricerca vocale.

Detto questo, prendiamo un altro esempio ancora da Brian Dean che sembra un po’ più completo.

Caso di studio 2: Backlinko’s Guide to Google Keyword Planner

Brian ha anche ottimizzato la sua guida all’utilizzo di Strumento di pianificazione per la ricerca vocale.

Etude de cas pour la recherche vocale 8

Il suo contenuto viene offerto come risposta alla richiesta vocale “Come si accede a Google Keyword Planner?” (Come si accede al Google Keyword Planner)

Etude de cas pour la recherche vocale 9

Fonte: Backlinko 

È importante notare che dopo il suo contenuto, ci sono le pagine di Google che spiegano come utilizzare Keyword Planner:

Etude de cas pour la recherche vocale 10

Google stesso ha un Domain Rating di 99 e non sarebbe sbagliato pensare che queste pagine di Google hanno un numero molto elevato di backlink.

Sarebbe stato normale se il motore di ricerca avesse utilizzato i suoi contenuti per fornire risultati, ma non è così. 

L’autorità di Backlinko è 85, che è molto inferiore a quella di Google. E come spiega, i due elementi che gli hanno permesso di raggiungere una tale impresa sono il linguaggio e il formato dei suoi contenuti.

In effetti, la guida è scritta in modo tale che un principiante possa capire esattamente come utilizzare lo strumento. 

Inoltre, la sua guida è di 2.497 parole in totale, che è abbastanza vicino alla lunghezza media dei primi risultati di ricerca vocale.

Etude de cas pour la recherche vocale 11

 Conclusione. Ricerca vocale: una rivoluzione che non dice il suo nome

Prima che avvenga una rivoluzione, è percepita come impossibile; dopodiché, è considerato inevitabile. citazione 

di Rosa Luxemburg si presta perfettamente a ciò che sta accadendo attualmente con gli assistenti vocali.  

La loro adozione, infatti, sta accelerando sempre di più e chi le utilizza non ha più intenzione di separarsene. 

Pertanto, è innegabile che questa tecnologia si sia stabilizzata e potrebbe diventare il principale mezzo di interazione degli utenti di Internet con il mondo digitale

Nel settore SEO, ci sono rischi che l’impatto sia molto maggiore di quanto ci si potrebbe aspettare. 

Come abbiamo visto, la maggior parte dei risultati della ricerca vocale sono unici. In altre parole, per determinate query viene fornito un solo risultato.

In questa situazione, non sarebbe più rilevante considerare di occupare il secondo o il terzo posto. Semplicemente non avrai visibilità!

Per questo è urgente che qualsiasi professionista SEO o qualsiasi attività online adotti, mentre c’è ancora tempo, le disposizioni necessarie per accogliere questa tecnologia

Nella mia presente guida, ho avuto cura di portarvi i motivi per cui una tale emergenza è giustificata. 

Ho anche elencato tutte le strategie e i suggerimenti che ritengo rilevanti per seguire questa tendenza e ottimizzare bene i contenuti.

Approfittane e non esitare a raccontarci la tua performance.

Per quanto mi riguarda, ti terrò informato sui miei progressi con casi pratici, se mai Google prenderà in considerazione i miei contenuti per offrire risposte vocali.

A presto !

Categorie SEO

Lascia un commento