Sito a specchio

Un sito mirror è una replica completa e accurata di un sito web esistente con un URL diverso. I siti mirror sono spesso utilizzati per migliorare l’accessibilità del sito web originale e per alleggerire il carico del server informatico che lo ospita quando genera troppo traffico

Nello stesso modo in cui la nostra immagine si riflette identica nello specchio quando ci guardiamo, i siti specchio sono copie perfette e tangibili di un sito web originale

Sono utili agli utenti di Internet a molti livelli e in molti luoghi, in quanto garantiscono una buona esperienza utente e un caricamento rapido delle pagine.

Non c’è dubbio che si tratta di un concetto ingegnoso con vantaggi notevoli e interessanti. Ma a seconda di come vengono utilizzati, i siti mirror possono essere facilmente annoverati tra le tecniche SEO Black Hat.

Si tratta di una tecnica sfaccettata che deve essere analizzata e quindi studiata in dettaglio.

Quindi :

  • Che cosa significa il termine “sito specchio”?
  • Quali sono i vantaggi?
  • Cosa occorre per creare un sito mirror?
  • Quali sono le diverse pratiche della tecnica del sito speculare?
  • Quali sono i problemi e le conseguenze dei siti specchio in termini di SEO?
  • Cosa possiamo imparare dall’uso dei siti specchio?

Per affrontare correttamente l’argomento, ci occuperemo di rispondere a tutte queste domande nel resto di questo articolo.

Senza ulteriori indugi, iniziamo!

Capitolo 1: Sito specchio – Site miroir : Generale

Iniziamo il nostro studio sui siti specchio affermando alcuni punti generali.

1.che cos’è esattamente un sito mirror?

Nel mondo dei computer e sul web, il termine mirror viene utilizzato per indicare la copia esatta di un insieme di file.

Quindi, per analogia, un sito specchio si riferisce a un sito la cui architettura e contenuto sono la riproduzione testuale e integrale di un altro sito web.

Di conseguenza, quando parliamo di siti specchio, parliamo di due o più siti web con URL specifici che sono perfettamente identici l’uno all’altro nel contenuto e nella forma.

In poche parole, un sito mirror è un sito web (M) che offre esattamente gli stessi contenuti di un cosiddetto sito web principale (P).

Alla luce di questa definizione, sembra legittimo pensare che il concetto di siti specchio sia direttamente legato a quello di contenuti duplicati (contenuto duplicato)

Tuttavia, nonostante alcune delle loro caratteristiche oscure, i siti mirror non sono categoricamente Black Hat SEO.

Infatti, la tecnica di mirroring viene solitamente utilizzata per prevenire o correggere la saturazione della rete.

Così, quando il server del sito principale (P) non è disponibile, gli utenti possono rivolgersi al server del sito mirror (M) per accedere ai dati.

A tal fine, i siti mirror sono ospitati su server separati. Sono quindi accessibili e disponibili attraverso diversi indirizzi in tutto il mondo.

L’esistenza di siti mirror consente di alleggerire l’host del sito web principale (il server principale), distribuendo l’elevato traffico generato su server situati in altre aree geografiche.

Ma che dire dei benefici effettivi e del funzionamento dei siti mirror?

1.2. I vantaggi di un sito mirror

I vantaggi del mirroring sono molti ed ecco un elenco dei più importanti

1.2.1. I siti mirror rendono più facile raggiungere gli utenti di Internet dall’altra parte del mondo

Lo scopo principale dei siti mirror è quello di facilitare l’accesso ai prodotti e ai servizi di un sito web in tutto il mondo, duplicando fedelmente il suo contenuto su server locali separati

I siti mirror rappresentano quindi un vero e proprio dispositivo di bilanciamento del carico, in quanto consentono ai siti web con un traffico elevato di operare in modo efficiente, condividendo il loro lavoro tra diversi server.

Quando un sito inizialmente ospitato in Francia viene specchiato su un altro server in Canada, ad esempio, i canadesi saranno in grado di ottenere una buona connessione al sito. Nonostante la distanza, saranno in grado di ottenere un tempo di risposta del server relativamente breve.

In altre parole, i siti mirror vengono creati per facilitare l’accesso agli utenti che si trovano a migliaia di chilometri di distanza dal server originale. Il server mirror è quindi solitamente situato in un altro continente, per fornire una connessione veloce e affidabile agli utenti Internet vicini

1.2.2. I siti di mirroring assicurano una migliore velocità di download per i file di grandi dimensioni

Quando il sito originale attira molto traffico, i siti mirror possono agire come una sorta di “relè” e rendere disponibili i file scaricabili del sito su altri server. Questo è molto comune sui siti web che offrono il download di software con aggiornamenti regolari

Questi siti registrano un gran numero di download che vengono distribuiti su copie esatte del sito originale per una maggiore velocità di download.

Per questo motivo le grandi aziende del web e dell’informatica, come Sun Microsystems, Microsoft e molte altre, hanno dei siti mirror in cui il software del loro browser può essere scaricato in modo ottimale.

1.2.3. Facile accesso ai contenuti censurati

La tecnica del sito specchio può essere applicata anche per rendere disponibili informazioni censurate in luoghi in cui l’accesso è limitato o proibito.

Ricordiamo che nel 2013, quando le autorità cinesi hanno deciso di per bloccare l’accesso delle persone alle pubblicazioni dei media stranieri come come il Wall Street Journal, Bloomberg e il New York Times, i siti mirror sono stati utilizzati per ripristinare l’accesso alle informazioni e aggirare la censura governativa.

Oltre a eludere la censura informatica, i siti mirror vengono creati anche per aggirare i blocchi informatici.

Infatti, un sito web può facilmente finire bloccato e inaccessibile in seguito a un hacking o a qualsiasi altro attacco informatico

Per aggirare questo blocco e consentire agli utenti del sito di continuare le loro attività, i siti mirror sono una soluzione efficace

Per rendere possibile questo bypass, è sufficiente replicare un sito mirror su un server dedicato a questo scopo, associando l’uso di un website hoover (uno strumento per replicare e scaricare tutti i dati di un sito web in tempo reale) e il gioco è fatto.

In questo modo, una volta bloccato il sito web originale, subentrerà un sito identico, funzionale e pronto all’uso.

1.3. I diversi elementi necessari per la creazione di un sito specchio

Per la creazione e il corretto funzionamento di un sito mirror, sono necessari diversi elementi:

1.3.1. Un server ad alte prestazioni

Come avrà intuito, il ruolo dei server nella creazione di un sito mirror è essenziale.

Questo è l’elemento di base per la creazione di un sito mirror e idealmente è necessario un server ad alte prestazioni in grado di supportare un carico elevato

Infatti, per un hosting efficiente adattato ai siti mirror, è consigliabile optare per un server che garantisca una notevole velocità di trasferimento dei dati (larghezza di banda) e che abbia una conseguente capacità di archiviazione per ospitare tutti i dati copiati.

1.3.2. Strumenti per copiare i siti web

Come può immaginare, la duplicazione di un sito web richiede molto di più di un semplice copia e incolla.

La creazione di siti mirror richiede l’uso di strumenti di replica appropriati e specifici.

Come abbiamo visto, la replica del sito web può essere effettuata facilmente con l’aiuto di un website hoover

Un website hoover è un programma software che, come suggerisce il nome, consente di aspirare (copiare) tutto o parte di un sito web, per poi archiviarlo su un dispositivo di archiviazione come un server.

Comment telecharger completement un site internet

La tecnica di replica del sito web basata sull’utilizzo di un sito web hoover consente di ottenere copie identiche eccellenti

Tuttavia, va notato che i siti originali progettati con un sistema di gestione dei contenuti (CMS) produrranno solo copie non funzionali

Il risultato sarà, per così dire, solo la replica del contenuto statico (cioè solo il rendering html delle pagine web) del sito.

Oltre all’hoover del sito web, anche le tecniche di backup del sito web sono una soluzione da scegliere.

In effetti, il backup incrementale è una potente soluzione di replica adatta alla copia di grandi quantità di dati.

Chiamato ancora backup incrementale, è una particolare tecnica di backup che si presenta come segue (esempio stabilito nell’arco di una settimana)

  • Nella prima fase (lunedì), viene effettuato un backup o una copia completa delle pagine e dei file del sito originale.
  • Poi, in una seconda fase (martedì), viene eseguito un secondo backup (il backup incrementale vero e proprio). Questo riguarda solo i dati che sono stati modificati o aggiunti dal backup precedente (dati di web hosting, e-mail, per esempio).
  • In una terza fase e così via (mercoledì, giovedì…), verranno copiati solo i dati modificati dall’ultimo backup.

Questo schema di backup è pratico e molto efficiente

Ottimizza sia la durata del processo di replica che il carico del server (CPU) e lo spazio di archiviazione occupato dai dati di backup.

1.3.3. Un nome di dominio specifico per ogni sito mirror

I nomi di dominio duplicati, chiamati anche URL mirror, sono URL diversi che conducono allo stesso indirizzo IP e offrono informazioni identiche, ospitati su un unico server a cui sono tutti collegati.

Beh, non è di questo che stiamo parlando

I siti mirror hanno i propri nomi di dominio che conducono a server specifici e diversi.

In generale, sul web, per designare un sito mirror, si inizia scrivendo il nome del dominio con un numero maggiore o uguale a 2 dopo il “www”

Quindi www2.twaino.com sarebbe un sito mirror del sito web www.twaino.com.

Quando il nome www2.twaino.com viene inserito nella barra degli indirizzi del browser web, la pagina visualizzata sarà quella del sito mirror. Tuttavia, sebbene il risultato provenga da www2.tawino.com, nella barra degli indirizzi il nome www2.twaino.com è sostituito da www.twaino.com per rassicurare l’utente che si trova sul sito ufficiale del marchio

Infine, va notato che non esiste una nomenclatura ufficiale ed esaustiva per i siti mirror

A parte il fatto che sono comunemente utilizzati, i nomi che iniziano con www2, www3, www4, www…etc, non sono la norma. È quindi libero di dare al suo sito mirror il nome che desidera.

Ad esempio, un sito il cui nome inizia con www2 non è necessariamente un sito mirror, e non tutti i siti mirror devono iniziare con www2, www3 o www4, ecc.

1.4. Come mantenere il suo sito mirror

In pratica, una volta creato un sito mirror, questo viene aggiornato frequentemente per garantire che il suo contenuto sia coerente con quello del sito originale

E per una buona ragione, a differenza di uno specchio (oggetto) che riproduce sia l’immagine che i movimenti di chi si specchia, i siti specchio sono unidirezionali

Infatti, il sito mirror è una copia congelata del sito principale. È quindi in grado di fornire solo il contenuto statico del sito web originale, anche se quest’ultimo è un sito web dinamico.

In altre parole, un sito mirror da solo non è in grado di fornire servizi interattivi in relazione al sito originale, come l’aggiunta di commenti e/o nuovi contenuti.

Pertanto, è spesso necessario apportare modifiche ad hoc ai file del sito mirror, per dare agli utenti la perfetta illusione di trovarsi sul sito principale.

Per stabilire un funzionamento regolare tra il sito mirror e il sito principale, la sincronizzazione dei siti e dei loro file è fondamentale.

Inoltre, è solo grazie alla sincronizzazione dei dati che è possibile aggirare la censura e gli attacchi informatici con la tecnica del sito mirror

Nel caso di un sito web dinamico, le opzioni di reverse proxy (relè inverso tra gli utenti e la rete interna del server) sono particolarmente adatte.

1.5. Cosa non deve essere confuso con un sito mirror?

Il processo del sito a specchio, in termini di principio, funzionamento e utilizzo, assomiglia a molte altre tecniche, che devono essere distinte.

1.5.1. Consegna della rete di computer (CDN)

La Computer Network Delivery, o CDN in breve, è una raccolta di dati replicati ospitati su diversi server situati in tutto il mondo

Mentre nel mirroring, il sito originale stesso e il suo contenuto vengono duplicati in modo identico, qui nel CDN vengono duplicati solo i dati della cache del sito principale.

Come i siti mirror, anche la Computer Network Delivery consente di accedere facilmente alle informazioni da diverse località.

Una delle particolarità del CDN è che è in grado di rispondere alle richieste degli utenti (ad esempio, offrendo contenuti video e/o audio in streaming) anche quando la larghezza di banda è ridotta.

1.5.2. Cybersquatting

Il cybersquatting è l’acquisizione, la registrazione e l’utilizzo non autorizzato di nomi di dominio internet che sono identici o simili a marchi, nomi di società o nomi personali esistenti.

Le Cybersquatting

Questa pratica piuttosto detestabile è molto simile al furto di identità

In genere, l’obiettivo è quello di :

  • Restituire il nome di dominio al legittimo proprietario in cambio di un compenso;
  • Per profilare il nome di dominio;
  • Oppure, per infangare la reputazione e la visibilità del vero proprietario, eseguendo azioni scorrette a suo nome.

Le azioni di un sito mirror possono essere mal interpretate dagli utenti di Internet come opera di cybersquatting, a causa della somiglianza del nome di dominio con quello del sito principale.

Va notato che il cybersquatting è giustamente considerato da molti come una contraffazione, o addirittura un atto criminale passibile di sanzioni penali in alcuni Paesi.

1.5.3. Typosquatting

Il Typosquatting è una tecnica di dirottamento degli URL che consiste nell’acquistare numerosi nomi di dominio simili a quelli di siti web noti, con errori di battitura intenzionali.

Si tratta di un’altra forma di cybersquatting basata sulla possibilità che i cybernauti possano involontariamente commettere un errore tipografico quando digitano l’URL di un sito web nella barra degli indirizzi del loro browser (ad esempio, www.twano.com invece di www.twaino.com).

L’obiettivo è quello di ottenere il maggior numero possibile di visitatori, sfruttando la reputazione di altri siti web.

Questa pratica è tipica degli hacker, che creano siti web alternativi per scopi malevoli che imitano il più possibile l’aspetto e la facilità d’uso della destinazione prevista

In questo modo, l’utente di Internet non si rende conto di trovarsi su un sito diverso da quello che intendeva visitare

È quindi facile capire come la tecnica dei siti mirror possa essere simile al typosquatting.

Il typosquatter può quindi procedere a rubare informazioni personali (identificabili, password, codici segreti e altro).

Peggio ancora, possono sfruttare questa piccola mancanza di attenzione da parte dell’utente di Internet per scaricare malware (file dannosi) sul suo dispositivo (smartphone, tablet, PC o server)

In rari casi, i typosquatter offrono semplicemente servizi e prodotti in concorrenza con il sito originale.

1.5.4. Phishing

Il termine phishing viene utilizzato per indicare una tecnica criminale informatica la cui arma del delitto non è altro che un’e-mail camuffata

Le Phishing

In effetti, si tratta di un attacco informatico non basato su un difetto del computer, ma piuttosto sull’ingenuità e la negligenza degli utenti di Internet.

L’hacker inganna l’utente di Internet fingendosi un’entità fidata (la sua banca, un membro della sua azienda, per esempio) per ottenere informazioni riservate.

Licence Logiciel

Questi hacker arrivano a replicare il sito web di un’organizzazione nella sua interezza (come un sito mirror), aspettando che l’utente di Internet vi si connetta per estorcere i dati di connessione e altre informazioni personali.

Si tratta della tecnica di cyberattacco più diffusa e popolare tra i criminali, che negli anni hanno lavorato duramente per renderla sempre più sofisticata.

Capitolo 2: Le sfide dei siti specchio

L’uso dei siti mirror e i loro problemi SEO sono numerosi e diversi.

Lo spamdexing è per il Black Hat SEO come l’oscurità per la notte

Si tratta di un insieme di tecniche proibite, basate essenzialmente sull’uso di link falsi che permettono di fare riferimento in modo abusivo alle pagine web nelle SERP

Se lo spam sul web è illegale, è semplicemente perché permette al algoritmi algoritmi dei motori di ricerca.

Purtroppo, l’uso illegale di siti mirror per aumentare il ranking e l’accessibilità di un sito è una tecnica di spamdexing molto utilizzata.

In effetti, il processo di mirroring viene deliberatamente utilizzato per aumentare artificialmente la presenza e la rilevanza dei siti sui motori di ricerca.

Questo metodo, apprezzato dai SEO Black Hat, combina i contenuti duplicati con l’uso di allevamento di link sui siti mirror.

Il link farming, in parole povere, consiste nel creare un gruppo di diversi siti web che si collegano l’uno all’altro

Conosciuta anche come link farming, è una tecnica fraudolenta che permette di migliorare il posizionamento di ciascuno dei siti di questa rete nelle SERP.

Per fare questo, la link farm gioca su uno dei tanti criteri del PageRank (valutazione) dei siti web sui motori di ricerca: il numero di backlink.

Infatti, più backlink ha un sito web, più diventa popolare con gli algoritmi di PageRank e più sarà posizionato in alto nelle classifiche dei motori di ricerca.

Nel nostro contesto, i siti web di link farm non sono altro che siti specchio. Pertanto, si tratta di uno stesso sito (entità logica) che scambia collegamenti tra loro (entità fisica).

L’applicazione di questa tecnica utilizzando siti mirror è una delle forme meno etiche di link farming.

La scoperta di questi siti da parte dei motori di ricerca di solito porta alla rimozione totale dell’intera rete di siti specchio dal loro indice.

2.2. Siti mirror e White/Gray Hat SEO

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i siti specchio non sono utilizzati solo nel lato oscuro della SEO

Sì, non vengono usati sistematicamente per scopi disonesti e illegittimi.

2.2.1. Il lato SEO White Hat dei siti specchio

Il ruolo dei siti mirror nel migliorare l’accessibilità e il funzionamento delle piattaforme di download su larga scala e di altri siti con immagini ad alta risoluzione, video o animazioni pesanti è ormai noto.

La creazione di siti specchio per questi tipi di siti web consente loro di funzionare bene e di essere accessibili e disponibili in molte parti del mondo.

Quando il contenuto di questi siti specchio viene tradotto in altre lingue, i risultati non sono più considerati siti specchio.

Queste copie tradotte del sito web originale sono parte integrante della White Hat SEO.

Questi siti sono diversi nella forma del loro contenuto, anche se il significato è lo stesso

Inoltre, sono ospitati su server situati in diverse aree geografiche specifiche per la loro lingua di traduzione.

Inoltre, le varie versioni linguistiche del sito web principale sono solitamente accessibili da una homepage, dove i loro URL sono ben elencati

La versione originale del sito web viene mantenuta senza essere bloccata nel robots.txt e il file nofollow valore dell’attributo rel (rel = “nofollow”).

2.2.2. La tecnica borderline dei siti specchio: Gray Hat SEO

Nella vita, come nella SEO, nulla è mai tutto bianco o nero. È quindi opportuno evidenziare il lato SEO Gray Hat dei siti mirror.

In questo caso, la tecnica dei siti specchio viene utilizzata in modo piuttosto particolare, con l’intento di ingannare i robot di indicizzazione dei motori di ricerca in modo innocuo

Infatti, i crawler dei motori di ricerca sono algoritmi in grado di catturare ed elaborare solo contenuti testuali (parole e/o frasi).

Utilizzando questa scappatoia, vengono creati siti specchio che sono strettamente identici nel contenuto e non nella forma.

Il contenuto di questi siti specchio viene quindi trasformato, in modo che le informazioni offerte agli utenti su tutti i siti siano le stesse solo in termini di significato e di idea

Così, i testi vengono riformulati, i titoli, il logo e le parole chiave vengono modificati da professionisti per perfezionare la tecnica.

Di conseguenza, i robot dei motori di ricerca non sospetteranno l’inganno e arriveranno ad approvare i siti specchio e persino a migliorare i loro backlink.

2.3. Siti speculari in modalità flash

Fino a poco tempo fa, i siti web costituiti interamente da animazioni Flash erano scarsamente referenziati dai motori di ricerca.

E per una buona ragione, i robot di indicizzazione dei motori di ricerca hanno avuto grandi difficoltà a riconoscere, analizzare e comprendere il linguaggio di programmazione utilizzato (ActionScript).

È sembrato quindi logico, per facilitare l’ottimizzazione e la referenziazione di un sito web basato su animazioni Flash, creare un sito speculare in html o xhtml.

Tuttavia, una soluzione di questo tipo non è più appropriata oggi, in quanto la maggior parte dei motori di ricerca, e in particolare Google, hanno difficoltà a identificare, comprendere e decifrare le varie animazioni.

È quindi necessario vietare l’accesso al sito mirror ai robot di indicizzazione dei motori di ricerca

Per fare questo, il robots.txt (Disallow), per bloccare il sito mirror e per impostare il valore non standard ( nofollow ) dell’attributo rel nelle rispettive linee di codice.

Exemple-de-fichier-robots.txt

2.4. La posizione di Google sui siti mirror

Una cosa è certa: non si tratta di una linea retta.

Il motore di ricerca investe notevoli sforzi nella ricerca di siti specchio, che si preoccupa di penalizzare in un modo o nell’altro.

Pertanto, i siti specchio che vengono rimossi dall’indice di Google sono quelli che cercano di ingannare il motore di ricerca e i suoi robot attraverso trucchi e inganni disonesti.

Inoltre, se un sito mirror viene portato all’attenzione del motore di ricerca e non scompare dall’indice di Google entro poche ore, ciò non significa che Google lo abbia perdonato o che non intenda rimuoverlo dal suo indice.

Google non rimuove indiscriminatamente i siti mirror dal suo database

Il motore di ricerca, grazie ai suoi potenti algoritmi (i Googlebot), apprende e analizza ogni sito speculare in modo dettagliato prima di deciderne la condanna

Il motore di ricerca deve fare molta attenzione ai siti mirror

Per brevi periodi di tempo, Google utilizza la tecnica del sito specchio per testare i suoi filtri al fine di migliorare i suoi algoritmi.

Capitolo 3: Sito specchio: Favorevole o contrario?

Deve utilizzare la tecnica del sito speculare o no?

3.1. Argomenti a favore dei siti specchio

Gli usi dei siti specchio sono numerosi e importanti. L’impiego legittimo e giustificato dei siti mirror, così come i loro molteplici vantaggi, testimoniano il loro carattere benevolo, favorevole e necessario per la SEO.

Pertanto, i seguenti usi legittimi sono associati al processo di mirroring:

  • Per impostare un sistema di backup efficiente;
  • Effettuare test comparativi tra il sito principale e le sue repliche per valutare, ad esempio, la potenza dei diversi server e il loro impatto statistico sul traffico;
  • Conserva i contenuti di un sito web (o di una pagina) chiuso o che sta per essere chiuso
  • Scarica rapidamente file di grandi dimensioni, anche per gli utenti che si trovano a migliaia di chilometri dal server di origine
  • Aggirare la censura per la libertà d’informazione
  • Bilancia i carichi del server per garantire una migliore esperienza dell’utente
  • Compensare un picco di traffico temporaneo sul sito originale
  • Migliorare il posizionamento del sito sui motori di ricerca;
  • Bypassare i firewall o altri programmi di sblocco del computer
  • Ecc.

3.2. Argomenti contro il mirroring

Le argomentazioni contro l’uso della tecnica del mirroring sono, di norma, piuttosto numerose e, a dir poco, molto convincenti.

3.2.1. L’esistenza di altre alternative più efficaci al mirroring per aumentare il traffico del sito web

Sebbene l’uso dei siti mirror presenti alcuni vantaggi interessanti, è importante tenere presente che questi vantaggi non sono specifici di questi siti

In effetti, ci sono molti modi e tecniche per ottenere gli stessi risultati senza dover creare siti specchio.

E per una buona ragione: è possibile, ad esempio, aumentare il traffico di un sito web senza doverlo duplicare in più versioni.

3.2.2. L’uso di siti mirror per scopi fraudolenti

La nozione di bene non avrebbe senso se non esistesse la nozione di male

Tenendo conto di tutto ciò che è stato detto finora, è chiaro che la tecnica del sito mirror può essere utilizzata per scopi dubbi.

Infatti, i siti mirror sono utilizzati, tra le altre cose, per :

  • Tentativo di migliorare in modo fraudolento il PageRank dei siti web e il loro posizionamento nelle SERP;
  • Guadagnare illegalmente con la pubblicità;
  • Plagiare un sito web che a volte è un concorrente;
  • Ecc.

3.2.3. I numerosi svantaggi di un sito mirror

Ci sono sicuramente dei vantaggi, ma anche degli svantaggi nella creazione di siti mirror.

In effetti, la tecnica del sito speculare ha molte limitazioni. Questi includono

  • L’ovvio e, a dir poco, catastrofico concetto di contenuto duplicato che vi è associato;
  • La natura obsoleta del suo utilizzo per l’ottimizzazione SEO dei siti web;
  • La sua forte affiliazione con lo spamdexing e i suoi numerosi usi nella Black Hat SEO;
  • I suoi effetti anti-SEO, in particolare la diluizione della popolarità del sito principale, quando alcuni siti web si collegano al sito mirror;
  • La difficoltà di distinguere il sito originale dalle sue copie;
  • L’identità talvolta distorta del sito principale;
  • La confusione tra il processo di mirroring e le tecniche di phishing, cybersquatting o typosquatting;
  • Le conseguenze di tale confusione sulla fiducia degli utenti nel sito originale;
  • Se il sito mirror non viene aggiornato continuamente, gli utenti dovranno attendere il rinnovo e l’aggiunta degli elementi mancanti;
  • La creazione di siti mirror richiede l’installazione di diversi server, il che significa costi di manutenzione più elevati;
  • E molti altri.

3.3. Infine, deve utilizzare la tecnica del mirroring?

Dopo aver valutato i pro e i contro, sembra che l’uso di siti specchio offra una serie di vantaggi non specifici e più o meno sostituibili

D’altra parte, la tecnica presenta una serie di svantaggi ed è coinvolta nell’applicazione di molte tecniche non etiche

Per finire, il motore di ricerca Google è impegnato a rintracciare e punire i siti mirror e i loro siti di origine.

Quindi si concorda sul fatto che gli argomenti contrari superano gli altri.

Forse sarebbe meglio evitare i siti mirror.

Piuttosto che correre rischi inutili nel complesso, è meglio optare per i reindirizzamenti permanenti verso un unico sito web (il 301 reindirizzamentoreindirizzamento, 308 reindirizzamento e altri)

Una tecnica che combina tutti i vantaggi offerti dai siti mirror, proteggendoli al contempo dai loro svantaggi.

Capitolo 4: Domande frequenti

4.1. Che cos’è un sito mirror?

In generale, il concetto di mirroring in informatica si riferisce a una copia esatta e precisa di un insieme di dati. In rete, quando si parla di un sito mirror, si parla di una copia esatta di un sito web esistente, ospitato su un server separato con un proprio nome di dominio.

In breve, un sito mirror è un sito M che duplica il contenuto di un sito P, ma su un server diverso.

Naturalmente, se il proprietario del sito lo desidera, può legalmente duplicare una versione del suo sito accessibile su un URL separato, per bilanciare il carico del server e offrire un’esperienza migliore ai suoi utenti

Tuttavia, bisogna anche riconoscere che il mirroring può essere utilizzato per scopi fraudolenti, come la creazione di una rete Link Farm o l’estorsione dei dati personali degli utenti

In questi casi, il mirroring può portare a una penalizzazione di Google o a un’azione legale

4.3. Quali sono i vantaggi del mirroring?

Il mirroring di un sito web presenta alcuni vantaggi interessanti, come ad esempio

  • Preservare i contenuti di un sito web (o di una pagina) chiuso o che sta per essere chiuso
  • Scaricare rapidamente file di grandi dimensioni, anche per gli utenti che si trovano a migliaia di chilometri di distanza dal server di origine
  • Aggirare la censura per la libertà d’informazione
  • Bilancia i carichi del server per garantire una migliore esperienza dell’utente
  • Compensare un picco di traffico temporaneo sul sito originale
  • Migliorare il posizionamento del sito sui motori di ricerca;
  • Bypassare i firewall o altri programmi di sblocco del computer
  • Ecc.

4.4. Quali sono gli svantaggi di un sito mirror?

Nonostante i vantaggi di cui può godere creando un sito mirror, questa pratica presenta anche alcuni svantaggi non trascurabili, come ad esempio

  • Contenuti duplicati, una pratica fraudolenta classificata come Black Hat SEO
  • La diluizione della popolarità del sito principale;
  • Difficoltà per gli utenti di Internet di riconoscere la versione originale del sito
  • Confusione tra il mirroring di siti web e altre tecniche di attacco informatico
  • Mancanza di fiducia nelle file degli utenti di Internet;
  • Ritardo delle informazioni sul sito originale, se le versioni copiate non vengono aggiornate regolarmente
  • La necessità di più server fa aumentare i costi di manutenzione
  • Ecc

4.5. Qual è la differenza tra il mirroring e il backup di un sito web?

Anche se possono creare confusione, il mirroring e il backup di un sito non sono la stessa cosa e sono diversi per molti aspetti

La differenza notevole è che quando un sito viene sottoposto a mirroring, tutti i file e le versioni statiche del codice HTML che contiene vengono copiati e caricati sul sito mirror

Questa versione clonata del sito originale può essere facilmente ospitata e visitata dagli utenti di Internet, cosa che non è possibile con un backup del sito web.

In conclusione

Per concludere, la tecnica del mirroring permette di duplicare fisicamente un sito web e i suoi contenuti.

Per ovvie ragioni (accessibilità, disponibilità, ecc.), le repliche sono archiviate su server separati situati in tutto il mondo

Si tratta di una tecnica che offre alcuni vantaggi piuttosto interessanti, ma che combina anche diversi svantaggi.

Si tratta di una tecnica da usare con cautela, e a volte è preferibile evitarla a favore di pratiche più vantaggiose e attuali.

Questo è il termine del nostro studio sui siti specchio. Spero che l’articolo le sia stato utile, non esiti a condividere le sue opinioni ed esperienze sull’argomento nei commenti.

Grazie e a presto!

Categorie S

Lascia un commento